Tipologie

Tipologie

Le pergole bioclimatiche sono delle strutture leggere in tubolari alluminio con una copertura composta da teli in PVC impacchettabili oppure da lamelle orientabili con sistema manuale o motorizzato.

pergole bioclimatiche

Le pergole bioclimatiche, eleganti e raffinate, sono la perfetta risposta sostenibile per arredare il giardino o il terrazzo e tutti gli spazi outdoor della casa o di un negozio.

Cosa sono e come funzionano le pergole bioclimatiche

La regolazione e inclinazione delle lamelle o del telo permette di regolare e controllare a proprio piacimento in funzione delle condizioni climatiche il passaggio di luce naturale e ventilazione. Le pergole bioclimatiche rientrano nella categoria di pergola che è definita come una struttura leggera, senza fondazioni e aperta sui lati e per questo motivo non necessita di permessi e autorizzazioni per essere installata.

Per approfondire il tema ti rimando a questo articolo scritto da noi: Quali permessi servono per realizzare una pergola bioclimatica?

In caso di pioggia le lamelle o il telo si chiudono creando così una barriera impermeabile al passaggio dell’acqua e l’acqua piovana viene convogliata in grondaie autoportanti o sistemi integrati di scolo.

Tipologie di pergole bioclimatiche

Esistono diverse tipologie di pergole bioclimatiche che vanno base alle esigenze e soprattutto in funzione degli spazi disponibili. Possiamo distingue le pergole bioclimatiche in base a due fattori:

  • il tipo di struttura e materiale con cui è fatta
  • il tipo di copertura

Tipi di struttura portante e materiali

Nel complesso per quanto riguarda il tipo di struttura portante possiamo avere le seguenti tipologie:

a) Pergola autoportante: è la soluzione ideale per chi ha uno spazio esterno molto ampio. La pergola autoportante (o a isola) come ad esempio NAO – Pergola Ecologica autoportante, Retrattile, Impermeabile, 4 x 4 m, consente di creare una vera stanza in giardino da poter usare durante tutto l’anno. La sua struttura è autonoma e si regge da sola.

b) Pergola addossata: questa soluzione è molto utilizzata per le terrazze oppure quando si ha un giardino non troppo grande. La pergola addossata (o pergola a parete) deve essere montata nella parete portante esposta a sud davanti una grande vetrata. In questo modi si sfruttano i vantaggi della pergola e si può realizzare di fatto un’estensione del soggiorno o zona living. In questo caso la copertura è ancorata alla parete portante e sorretta da due pilastrini alle estremità.

c) Pergola inclinata: la pergola inclinata può essere di un tipo oppure dell’altro e si differenzia dalle altre per il semplice motivo che la copertura invece di essere piana è leggermente inclinata. Quello che cambia fondamentalmente sono l’estetica e la velocità di scorrimento del deflusso dell’acqua piovana.

pergola bioclimatica

La distinzione può essere fatta anche per il tipo di materiale della struttura portante:

  • alluminio
  • legno
  • PVC

Le pergole bioclimatiche vengono realizzate principalmente in profili di alluminio estruso verniciato di bianco, grigio antracite o nero. L’alluminio è un materiale 100% riciclabile e non ha bisogno di manutenzione, quindi adatto per resistere anche alle intemperie e agli eventi atmosferici.

Esistono anche soluzioni in PVC (molto rare e proposte solitamente da aziende che producono serramenti) oppure in legno nel caso ci possa essere la necessità di arredare un ambiente rustico. C’è da dire però che il legno, a differenza dell’alluminio, ha bisogno di manutenzione e non è sicuramente la soluzione ideale per realizzare le lamelle.

Tipo di copertura 

Se analizziamo il modo con cui è realizzata la copertura possiamo individuare tre tipologie di pergole bioclimatiche:

  • pergole con lamelle inclinabili
  • pergole con lamelle inclinabili e impacchettabili su un lato
  • pergole con lamelle o telo retrattile

Nel primo caso il meccanismo prevede la rotazione delle lamelle in funzione dell’intensità e della quantità di luce solare fino alla chiusura completa. Nel secondo caso invece le lamelle oltre a inclinarsi e a ruotare su se stesse si possono impacchettare tutte su un lato (copertura aperta) oppure essere distese (copertura chiusa).

Infine nel terzo caso al posto delle lamelle è presente un telo in materiale sintetico o PVC retrattile e impachettabile. Generalmente in tutti e tre i casi il movimento di lamelle o telo è motorizzato e azionato con telecomando.

pergola bioclimatica

Personalizzazioni delle pergole bioclimatiche

Come abbiamo visto sia che si acquisti una pergola già predefinita (come nel caso delle pergole che si trovano in vendita su Amazon) o che la si faccia fare su misura le pergole bioclimatiche consentono un’ampia possibilità di personalizzazione in base a gusti estetici ed esigenze particolari e di accessori. Nel caso hai bisogno di personalizzare la tua pergola bioclimatica e fartela progettare su misura puoi richiedere un preventivo gratis cliccando qui.

Scopri le Bioclimatiche: L’unica guida alla Bioclimatica “Pergola/Veranda”. Verande Bioclimatiche per esterno in legno, alluminio e ferro. Addossata/autoportante senza aumento di volumetria

Tamponamenti laterali

Le pergole bioclimatiche oltre ad offrire una copertura “flessibile” (aperta/chiusa) offrono la possibilità di essere chiuse lateralmente. I tamponamenti laterali più comuni sono:

  • teli verticali a chiusura zip
  • vetrate scorrevoli (in parallelo, a libro oppure a pacchetto)

I teli verticali sono realizzati in tessuto sintetico o PVC e possono essere del tipo oscuranti, microforati o trasparenti, in base al grado di privacy richiesto. Questi teli posti lateralmente vengono tensionati e quindi sono in grado di resistere al vento e alle intemperie. Offrono buona protezione dal sole, dal vento e isolano termicamente.

Le vetrate scorrevoli, realizzate con vetro temprato, sono in assoluto la soluzione migliore dal punto di vista della protezione dal freddo e dagli agenti atmosferici e anche la soluzione più elegante.

Altri optional

Sempre restando in tema di personalizzazione le pergole bioclimatiche offrono una serie di altre opzioni per migliorare il comfort complessivo. Tra questi optional spiccano:

  • Movimentazione motorizzata: questa soluzione è ormai utilizzata da tutti e permette di azionare il movimento delle lamelle in copertura e dei tamponamenti laterali con un telecomando.
  • Sensori di pioggia e vento: possono essere applicati dei sensori che attivano il movimento di copertura e tamponamenti laterali in automatico.
  • Illuminazione a LED: per poter usufruire dello spazio dato dalla pergola bioclimatica anche di notte e nelle sere d’estate possono essere applicate delle strisce a led che consentono di illuminare con stile ed eleganza e ridurre i consumi energetici.
  • Sistema riscaldanti: è possibile richiedere l’inserimento di corpi scaldanti all’interno della pergola bioclimatica.

Pergole bioclimatiche: prezzi

I prezzi di mercato per una pergola bioclimatica standard variano dai 3000 € ai 6000 €. Ma molti in realtà sono i parametri che concorrono nel definire il prezzo finale di una pergola bioclimatica, in particolare abbiamo quattro fattori determinanti:

  • la metratura di copertura
  • il materiale
  • tipologia di struttura (autoportante o addossata)
  • tipo di movimentazione (manuale o elettrica)
  • dimensioni standard o su misura

La soluzione su misura è sicuramente più costosa ma anche quella migliore perchè fatta in base alle vostre specifiche esigenze. In questo caso è consigliabile farsi fare un preventivo gratuito senza vincoli per trovare la risposta migliore a quello che cerchi.

In alternativa si possono trovare ottime occasioni per prodotti di dimensioni standard come quelle che vi proponiamo di seguito. Per vedere le migliori pergole bioclimatiche online —> CLICCA QUI.

articoli web soluzioni pubblicitarie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai un'azienda? Iscriviti e ottieni nuovi lavoriSCOPRI DI PIU'